Coronavirus

    Contenuti

    See all
    LIBERO
    Gli aiuti agli imprenditori sono durati un secondo

    Di Avv. Prof. Stefano Loconte

    Il governo  aveva messo a disposizione di imprese e pubblici esercenti la somma di 50 milioni di euro a fronte dell’acquisto di mascherine e altri beni strettamente necessari per il mantenimento dei presidi di sicurezza nello svolgimento delle varie attività da parte dei singoli addetti. Acquisti, si badi bene, obbligatori, essendo peraltro previsto dalla normativa che la mancata attuazione delle misure di sicurezza comporti l’applicazione di sanzioni di vario tipo e natura, tra cui anche la chiusura dell’attività stessa.

    Il bando prevedeva, quindi, la possibilità di godere di un’erogazione finanziaria immediata di 500 euro per ogni addetto all’impresa, per un massimo di 150.000 euro, in luogo del meccanismo del credito d’imposta previsto dalla normativa.i 50 milioni di euro sono stati assegnati soltanto a 3.150 imprese, in poco più di un secondo: sono state ammesse esclusivamente le prenotazioni inviate nell’intervallo di tempo compreso tra 0,000237 e 1,046749 secondi.

    IL PROBLEMA? I fondi messi a disposizione sono stati sufficienti a coprire le esigenze di una percentuale bassissima di quanti avevano bisogno e diritto al supporto finanziario e, quindi, si sono rivelati completamente inadeguati alle reali esigenze del mondo imprenditoriale.

    Chi è riuscito  probabilmente ha usufruito del supporto di sistemi di intelligenza artificiale e di compilazione e trasmissione automatica dei dati (c.d. bot),anche se il bando prevedeva espressamente il divieto di utilizzare strumenti automatici.

    Una domanda, quindi, si pone spontanea: non era possibile semplificare? Non era fattibile creare meccanismi di erogazione dei contributi più lineari, congrui nelle loro dotazioni e non legati alla velocità di un dito (o di un programma) a pigiare un bottone?

    Il commento del nostro Managing Partner  per la Guida Fiscale di Libero Economia del 26 Maggio 2020 a  p.15.

    In alternativa è scaricabile il PDF della singola pagina a seguito (Download)

    Italia Oggi
    Contagi, la riapertura è ad alto rischio per il datore di lavoro.

    Se un lavoratore si ammala si può essere chiamati a rispondere anche per omicidio

    Di Avv. Prof Stefano Loconte e Avv. Giulia Maria Mentasti

    Riaperture aziendali ad alto rischio: datori di lavoro in allarme perché temono pesanti sanzioni penali nel caso in cui un loro dipendente si ammali di Covid-19. 

    I nostri professionisti Stefano Loconte e Giulia Maria Mentasti illustrano per ItaliaOggi 7 le preoccupazioni anche dei  datori «virtuosi» che abbiano puntualmente posto in essere tutte le misure dettate dai protocolli di sicurezza, poiché, in caso di lavoratore contagiato, rischiano di trovarsi automaticamente intrappolati nelle insidiose morse di un procedimento penale.

    E se è indubbio che vi sarà un’archiviazione laddove venga esclusa la responsabilità del datore, altrettanto sicuro è che quest’ultimo dovrà comunque passare per la spesso non celere fase delle indagini e magari anche per un provvedimento di sequestro.

    Trovate l’articolo completo su Italia Oggi 7 di lunedì 18 Maggio pag.10

    In alternativa trovate il PDF della singola pagina scaricabile a seguito. (Download)

    Italia Oggi
    Epidemia, non è sempre reato. Le condotte omissive riducono le ipotesi delittuose

    Di Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Giulia Maria Mentasti

    Arduo il lavoro delle Procure che stanno indagando per il reato epidemia colposa, in riferimento alla gestione dell’emergenza in ospedali e case di riposo, nonché alla mancata adozione dei presidi e delle misure necessarie per impedire la diffusione del contagio da covid-19.

    I nostri professionisti Stefano Loconte e Giulia Maria Mentasti illustrano per ItaliaOggi7 l’orientamento della giurisprudenza di legittimità per cui, con la locuzione “mediante la diffusione di germi patogeni”, l’art. 438 c.p. richiederebbe una condotta commissiva ed escluderebbe l’applicabilità del reato a titolo di omissione, ovvero per non aver contenuto il contagio. Il non essersi attivati tempestivamente e adeguatamente potrebbe al configurare altri reati, quali lesioni e omicidio colposo, ma ecco che si pone il problema ulteriore di accertare il nesso causale, ovvero di dimostrare quando il malato ha contratto il virus e da chi, onere probatorio “quasi diabolico”.

    Trovate l’articolo completo su Italia Oggi 7 di Lunedì 20 Aprile. In alternativa è disponibile il PDF della singola pagina a seguito.