Stefano Loconte

    Contenuti

    See all
    Crisi da sovraindebitamento: caratteristiche e problematiche applicative dell’atto notarile di vendita immobiliare

    Nello Studio n. 57-2020 il Consiglio Nazionale del Notariato mette in luce le caratteristiche dell’atto di vendita immobiliare nell’ambito della composizione delle crisi da sovraindebitamento, evidenziando le notevoli differenze di tale atto rispetto a quello ordinario notarile di compravendita.

    Affrontano l’argomento su Quotidiano Ipsoa il Prof. Stefano Loconte e l’Avv. Lucianna Gargano

    Legga qui  l’intero articolo

    Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità in ambito fiscale e patrimoniale, si iscriva alla nostra newsletter

    Italia Oggi
    Enti, la finalità fa la differenza

    Superbonus e edilizia pubblica: la finalità prevalente dell’ente di gestione assume rilievo determinante per riconoscere il beneficio fiscale che consegue dagli interventi di efficientamento energetico e antisismici. L’agenzia delle entrate non esclude dal beneficio gli immobili di proprietà dei comuni, a condizione che siano gestiti da un ente che abbia le medesime finalità degli ex I.a.c.p. Di seguito, il commento di Stefano Loconte e Chiara De Leito alla risposta ad interpello n. 162/2021 sulle pagine di ItaliaOggi7

    Legga qui  l’intero articolo

    Per rimanere sempre aggiornato su tutte le novità in ambito fiscale e pianificazione patrimoniale, si iscriva alla nostra newsletter

    Italia Oggi
    Per i contributi non spettanti si rischiano manette e confisca – scatta la responsabilità ex 231

    Contributo a fondo perduto a rischio reato. Come illustrato dai nostri professionisti, l’Avv. Prof. Stefano Loconte e l’Avv. Giulia Maria Mentasti per ItaliaOggi7 con un approfondimento a doppia pagina, qualora dai controlli emerga che il contributo sia in tutto o in parte non spettante, troverà applicazione l’art. 316-ter c.p. in materia di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, che prevede, nel caso in cui il beneficio superi i 4 mila euro, la reclusione da 6 mesi a 3 anni, nonché la confisca. Inoltre non è ipotesi remota lo scattare della responsabilità di cui al d.lgs. 231/2001, con sanzioni pecuniarie che potrebbero avvicinarsi al milione di euro, oltre a quelle interdittive del divieto di contrattare con la p.a. e dell’esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi.

    → Legga (qui) l’intero articolo

    Per rimanere sempre aggiornato su tutte le novità in ambito fiscale e pianificazione patrimoniale, si iscriva alla nostra newsletter